top of page

ELETTROSENSIBILITA': PERCHE' ALCUNE PERSONE SONO PIU' SENSIBILI ALLE RADIAZIONI DEL CAMPO ELETTROMAGNETICO (EMF) DI ALTRE?

Le allergie alimentari e le predisposizioni genetiche rivelano una verità importante sulla nostra fisiologia.

Come esseri umani, i nostri corpi fisici funzionano in generale allo stesso modo. Abbiamo gli stessi organi, svolgiamo gli stessi processi cellulari, abbiamo bisogno delle stesse necessità di base per continuare a vivere. Tuttavia, nonostante questa uniformità superficiale, nessun corpo umano è uguale all'altro.

La stessa cosa vale per la Radiazione del Campo Elettromagnetico (EMF): anche se tutti possiamo potenzialmente sperimentarne gli effetti negativi, alcuni di noi sono più sensibili agli EMF di altri.



I sintomi noti della sensibilità agli EMF includono pelle che prude, dolori al corpo, mal di testa, vertigini/nausea, stanchezza, sintomi simili all'influenza, e stress, quando ci si trova in prossimità di dispositivi che emettono radiazioni EMF. Sintomi più intensi, come convulsioni, problemi con diversi sistemi del corpo e il cancro possono rendere molto difficile gestire l'ipersensibilità agli EMF.

Quando i sintomi dell'esposizione agli EMF sono frequenti e intensi, e in alcuni casi durano a lungo anche dopo essersi allontanati dalla fonte, si può soffrire di elettrosensibilità altrimenti nota come ipersensibilità elettromagnetica (HES).

Ai livelli più avanzati di questa condizione fisiologica ancora non ampiamente riconosciuta, i sintomi possono portare le persone a cercare cure mediche o renderle incapaci di lavorare o vivere intorno alla tecnologia wireless.

Purtroppo, a causa del fatto che la radiazione elettromagnetica è stata solo di recente più ampiamente accettata come rischio per la salute, coloro che si sono rivolti ai loro medici presentando sintomi di HES venivano comunemente etichettati come casi psichiatrici.

Non solo questi pazienti ricevono un trattamento che ignora completamente la vera causa; c'è una certa stigmatizzazione che si verifica quando si soffre di una condizione che la maggior parte della società non comprende ancora o addirittura non crede.

Anomalie Cerebrali nei soggetti elettrosensibili

C'è una nuova evidenza della realtà della HES. In uno studio del 2017, dieci pazienti con questa condizione hanno sottoposto a risonanza magnetica funzionale per controllare la presenza di eventuali anomalie. Tutti e dieci i soggetti hanno mostrato anomalie consistenti nella stessa regione del cervello.

Questo studio ha anche richiamato l'attenzione sul fatto che i sintomi sperimentati dai pazienti con elettrosensibilità riflettevano quelli dei pazienti che avevano avuto esposizione a lungo termine a sostanze neurotossiche. Infatti, otto dei dieci soggetti avevano avuto tale esposizione nel passato, e anni dopo hanno iniziato a soffrire di sintomi neurologici (difficoltà cognitive, mal di testa, tremori e altri) che sono iniziati al momento dell'esposizione alle radiazioni EMF e di solito sono diminuiti dopo essersi allontanati dalla fonte.

Ciò suggerisce che le sostanze neurotossiche e le radiazioni elettromagnetiche possono aggravare gli effetti l'una dell'altra.

Un'altra cosa da notare è che sette dei dieci soggetti dello studio vivevano o lavoravano in prossimità molto ravvicinata di grandi emissioni di EMF. Uno era un controllore del traffico aereo, un altro lavorava con linee elettriche ad alta tensione e un altro viveva a circa 500 metri da una torre cellulare.



Nel 2006, l'Australia ha commissionato la distribuzione di contatori intelligenti nello stato di Victoria. Questo ha portato a una sfida senza precedenti per la salute pubblica poiché l'intera popolazione ha dovuto inevitabilmente esporre alla radiazione non ionizzante ad alta frequenza prodotta dall'uomo.

Come risultato non intenzionale, oltre 142 persone hanno segnalato effetti avversi sulla salute causati dai contatori intelligenti wireless, come documentato tramite la segnalazione di informazioni sui siti web australiani di registro pubblico della salute e legale. I sintomi più frequentemente segnalati dell'esposizione alla radiazione wireless dai contatori intelligenti includevano insonnia, mal di testa, acufeni (ronzio nelle orecchie), stanchezza, disturbi cognitivi, disestesie (sensazioni anomale) e vertigini.


Come descritto in un articolo pubblicato nel novembre-dicembre 2014 sulla rivista Alternative Therapy Health Medicine, gli effetti di questi sintomi sulla vita delle persone erano significativi. I sintomi dei partecipanti erano gli stessi segnalati da persone esposte alla radiazione wireless emessa da altri dispositivi diversi dai contatori intelligenti (es. telefoni cellulari).


La maggior parte dei Soffrenti di Elettrosensibilità Sono Donne

Potrebbe esserci un altro fattore di rischio nello sviluppo dell'elettrosensibilità: il tuo genere.

In modo piuttosto sorprendente (dato che molte professioni che coinvolgono la prossimità a fonti di radiazione EMF sono dominate dagli uomini), sono le donne che hanno maggiori probabilità di avere problemi con la HES.

Secondo i questionari distribuiti in Paesi Bassi, Finlandia e Giappone, la grande maggioranza di coloro che soffrivano di sintomi di HES erano donne: rispettivamente il 68 percento, l'81 percento e il 95 percento.

Perché le donne sembrano avere una maggiore probabilità di diventare sensibili agli EMF?



Sono stati condotti pochi studi su questa condizione, e c'è ancora molto che non capiamo. È necessario condurre ulteriori ricerche prima di poter determinare esattamente perché esiste questo trend.

Tuttavia, sappiamo che certe condizioni mediche tendono a colpire un genere più dell'altro. Ad esempio, gli uomini sono due volte più inclini a morire di malattie epatiche e quasi tre volte più inclini a morire di AIDS rispetto alle donne. Al contrario, il 90 percento dei pazienti affetti da lupus sono donne.

Quindi, potrebbe essere che le differenze biologiche tra uomini e donne, forse legate a differenze cromosomiche o proporzioni di acqua, lascino al gruppo femminile una maggiore predisposizione alla sensibilità agli EMF.

Un'altra possibile ragione per questo pattern è che in alcuni modi, le donne sono spesso più attente ai cambiamenti e alle sottili variazioni dei loro corpi. Potrebbe essere che siano più veloci nel notare sintomi come la stanchezza, i problemi cognitivi e il malessere generale in relazione all'uso (o alla prossimità) di dispositivi che emettono EMF.

Gli uomini potrebbero forse essere più inclini a non fare troppo caso, o addirittura ignorare, tali sintomi - specialmente se non possono essere collegati a una causa ovvia. Questo è corroborato dalle prove che gli uomini con visioni più tradizionali della mascolinità sono meno propensi a visitare un medico e possono minimizzare i loro sintomi quando lo fanno.

Indubbiamente, sono necessarie ulteriori ricerche e studi su questo argomento, non solo per una maggiore comprensione, ma anche per l'accettazione più diffusa dell'HES come una condizione reale che può avere effetti molto debilitanti.

Considerazioni Finali sull'Elettrosensibilità

Ecco alcune riflessioni, tratte dai tre questionari citati in precedenza:

Una volta sviluppata l'HES, i dispositivi wireless domestici come laptop, cellulari e televisori (sorprendentemente non le torri cellulari o altre fonti ad alta potenza) sono stati la causa di maggiori problemi per coloro che hanno risposto nel Paesi Bassi.

Più della metà dei partecipanti nei Paesi Bassi ha riferito che "a un certo punto erano stati diagnosticati come affetti da sensibilità chimica multipla (MCS), sindrome da fatica cronica, fibromialgia, esaurimento, o altre malattie psicosomatiche invalidanti. Altri partecipanti sono stati sensibilizzati da fattori ambientali come odori, luce solare, polline, sostanze chimiche, farmaci, nutrienti, additivi alimentari, ecc." Il 76 percento dei partecipanti nel sondaggio finlandese ha detto che la riduzione o l'evitamento degli EMF ha aiutato nella loro completa o parziale guarigione. Le raccomandazioni ufficiali di trattamento con psicoterapia e farmaci non sono state significativamente utili - solo il 2,6 e il 4,2 percento dei pazienti hanno trovato un certo sollievo attraverso questi metodi. In base al sondaggio giapponese, circa l'85 percento ha dovuto adottare misure per proteggersi dagli EMF, come trasferirsi in un'area con poche fonti di radiazione o acquistare elettrodomestici a bassa emissione di EMF.




Circa la metà dei partecipanti aveva avuto un impiego in precedenza, ma la maggior parte ha perso il lavoro o ha avuto una diminuzione del reddito. Il 12 percento non poteva più usare i mezzi pubblici.

Siamo solo all'inizio quando si tratta di essere pienamente informati sull'elettrosensibilità. Se la ricerca citata sopra è un'indicazione, l'HES è una grave condizione di salute che deve essere discussa e esaminata attentamente mentre continuiamo a pieno ritmo nell'era wireless.



Fortunatamente, la scienza e la tecnologia moderna ci offrono soluzioni innovative come i Biomagneti al Silicio LAM, dispositivi all'avanguardia nel contrasto a questo fenomeno invisibile ma pervasivo.

I Biomagneti al Silicio LAM si sono rivelati un valido aiuto nel mitigare gli effetti dannosi dell'elettrosmog, come testimoniato da innumerevoli utenti e confermato da esperti del settore della salute. Grazie alla loro capacità di bilanciare i campi elettromagnetici che ci circondano, questi dispositivi offrono una protezione efficace e continua, contribuendo significativamente al miglioramento della qualità della vita.





Per quanto riguarda la bonifica degli ambienti in cui viviamo e lavoriamo, dispositivi ambientali come Combiplus e Purity si dimostrano strumenti essenziali.  Essi sono progettati per purificare spazi come case, uffici, scuole e asili, neutralizzando l'elettrosmog e creando un ambiente più salutare. Questo non solo migliora il benessere generale, ma contribuisce anche a ridurre problemi di salute legati all'eccessiva esposizione ai campi elettromagnetici.

Per la protezione personale, dispositivi come il TOTUS e TRANSMISSION si rivelano altrettanto importanti. Indossati quotidianamente, questi biomagneti personali agiscono come uno scudo contro l'elettrosmog, proteggendo l'individuo ovunque esso vada. Oltre a fornire una barriera protettiva, il TOTUS aiuta a mantenere l'equilibrio energetico dell'individuo, costantemente messo alla prova dall'ambiente esterno.

L'approccio bilanciato offerto dai Biomagneti al Silicio LAM significa che non dovremo rinunciare ai benefici della tecnologia per vivere bene.  Attraverso un utilizzo di questi dispositivi, possiamo godere delle comodità moderne senza compromettere la nostra salute.

Le testimonianze e i pareri degli esperti concordano: investire nei Biomagneti al Silicio LAM è un passo proattivo verso una vita più armoniosa e sana. Scegliere di proteggersi con Combiplus, Purity e TOTUS significa fare una scelta consapevole per il proprio benessere e quello dei propri cari, nel mondo di oggi e per il futuro. (CLICCA QUI PER LEGGERE I PARERI E LE TESTIMONIANZE) I Biomagneti al Silicio LAM offrono non solo una soluzione, ma un passo avanti verso un'esistenza più equilibrata e armoniosa, libera dagli effetti nocivi dell'inquinamento elettromagnetico che ci circonda.

Che tu stia cercando di bonificare il tuo ambiente lavorativo o domestico con Combiplus e Purity, o di proteggere te stesso e la tua famiglia con il TOTUS, www.mpetica.com ti offre tutto ciò di cui hai bisogno. Sul nostro sito troverai approfondimenti, testimonianze e tutti i dettagli sui nostri prodotti, progettati per restituirti il controllo sul tuo benessere in un mondo sempre connesso.

Non aspettare che l'elettrosmog comprometta ulteriormente il tuo stile di vita o la tua salute.


Visita www.mpetica.com oggi stesso per scoprire come i Biomagneti al Silicio LAM possono fare la differenza nella tua vita. Dotati di un Biomagnete LAM e inizia a vivere un'esistenza più protetta e in armonia energetica. Il tuo benessere è nelle tue mani.



527 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page